• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34

Dal nuovo numero

  • [vintage] amplificatore Melody primi Anni '60 +

    Nel 1946 il chitarrista Atswo Kaneko e l’ingegnere Doryu Matsuda fondarono la compagnia Aoi Onpa Kenkyujo a Tokyo, e nel 1948 iniziarono a produrre chitarre imitando modelli prevalentemente europei. Nel 1954 introdussero quattro modelli di amplificatori e dal 1960 iniziarono a disegnare strumenti originali, ampliando anche la gamma di amplificatori. La compagnia fu rinominata Teisco e iniziò a distribuire all'estero gli amplificatori, usando, oltre il marchio Teisco, anche Northland, Marco Polo, Sears, Audition, Beltone, King e Melody. La gamma era ampia, con modelli da 5 fino a 100 Watt. Dal 1966 arrivarono ampli...

    Leggi...
  • [video lezione chitarra acustica] Leonardo Corsi sul Chicken Picking +

    Ben ritrovati con un nuovo appuntamento sulle tecniche fingerstyle per chitarra acustica. Oggi parliamo di chicken picking e della sua applicazione su un arpeggio fingerpicking. Nel breve studio che ho preparato andremo ad affrontare alcuni spunti sull'utilizzo di questa tecnica, ma prima un po' di teoria. La tecnica del chicken picking, largamente utilizzata nella chitarra country, consiste in una plettrata ibrida ovvero plettro e dita che vanno a pizzicare alternandosi una o più corde adiacenti, la sequenza di note spesso viene arricchita con delle ghost note. L'effetto acustico ottenuto dal suo utilizzo, consiste in un forte impatto ritmico e in un arricchimento del colore e della corposità del fraseggio. Il nome chicken picking è stato attribuito per la somiglianza al verso “balbettante” di una gallina (in particolare se eseguito sulla chitarra elettrica). Tra i tanti utilizzatori di questa tecnica troviamo Albert Lee, Chet Atkins...

    Leggi...
  • [intervista e video lezione] Alessio Menconi +

    Nato come costola libertaria e forse anche un po' liberatoria della band di Elio & Co, il Trio Bobo è stato fin dall'inizio una formazione in grado di incutere soggezione. I suoi tre membri – Alessio Menconi alla chitarra, Faso al basso e Christian Meyer alla batteria - hanno saputo convogliare nel progetto tripode i loro migliori “bad self”, le inclinazioni e le curiosità, idee e suggestioni spurie in una miscela altamente infiammabile. Il loro primo disco, eponimo, era uscito un bel po' di anni fa. Nel frattempo i tre hanno suonato molto dal vivo, si sono fatti apprezzare anche in contesti e occasioni relativamente ristretti e defilati, riscuotendo sempre unanime ammirazione e stupore. E anche simpatia, perché simpatici lo sono... Il nuovo disco Pepper Games, uscito nei mesi scorsi, ha in qualche modo alzato l'asticella della reputazione dei suoi creatori. La fisionomia dell'album è sicuramente più compatta, personale e originale, rispetto al disco precedente. Non si tratta del lavoro da power trio come tanti, frutto di pomeriggi annoiati, di esercizi dediti al martellamento fusion per puro piacere del fracasso binario.

    Leggi...
  • 1
  • 2
  • 3

Dal nuovo numero

  • [vintage] amplificatore Melody primi Anni '60 +

    Nel 1946 il chitarrista Atswo Kaneko e l’ingegnere Doryu Matsuda fondarono la compagnia Aoi Onpa Kenkyujo a Tokyo, e nel 1948 iniziarono a produrre chitarre imitando modelli prevalentemente europei. Nel 1954 introdussero quattro modelli di amplificatori e dal 1960 iniziarono a disegnare strumenti originali, ampliando anche la gamma di amplificatori. La compagnia fu rinominata Teisco e iniziò a distribuire all'estero gli amplificatori, usando, oltre il marchio Teisco, anche Northland, Marco Polo, Sears, Audition, Beltone, King e Melody. La gamma era ampia, con modelli da 5 fino a 100 Watt. Dal 1966 arrivarono ampli...

    Leggi...
  • [video lezione chitarra acustica] Leonardo Corsi sul Chicken Picking +

    Ben ritrovati con un nuovo appuntamento sulle tecniche fingerstyle per chitarra acustica. Oggi parliamo di chicken picking e della sua applicazione su un arpeggio fingerpicking. Nel breve studio che ho preparato andremo ad affrontare alcuni spunti sull'utilizzo di questa tecnica, ma prima un po' di teoria. La tecnica del chicken picking, largamente utilizzata nella chitarra country, consiste in una plettrata ibrida ovvero plettro e dita che vanno a pizzicare alternandosi una o più corde adiacenti, la sequenza di note spesso viene arricchita con delle ghost note. L'effetto acustico ottenuto dal suo utilizzo, consiste in un forte impatto ritmico e in un arricchimento del colore e della corposità del fraseggio. Il nome chicken picking è stato attribuito per la somiglianza al verso “balbettante” di una gallina (in particolare se eseguito sulla chitarra elettrica). Tra i tanti utilizzatori di questa tecnica troviamo Albert Lee, Chet Atkins...

    Leggi...
  • [intervista e video lezione] Alessio Menconi +

    Nato come costola libertaria e forse anche un po' liberatoria della band di Elio & Co, il Trio Bobo è stato fin dall'inizio una formazione in grado di incutere soggezione. I suoi tre membri – Alessio Menconi alla chitarra, Faso al basso e Christian Meyer alla batteria - hanno saputo convogliare nel progetto tripode i loro migliori “bad self”, le inclinazioni e le curiosità, idee e suggestioni spurie in una miscela altamente infiammabile. Il loro primo disco, eponimo, era uscito un bel po' di anni fa. Nel frattempo i tre hanno suonato molto dal vivo, si sono fatti apprezzare anche in contesti e occasioni relativamente ristretti e defilati, riscuotendo sempre unanime ammirazione e stupore. E anche simpatia, perché simpatici lo sono... Il nuovo disco Pepper Games, uscito nei mesi scorsi, ha in qualche modo alzato l'asticella della reputazione dei suoi creatori. La fisionomia dell'album è sicuramente più compatta, personale e originale, rispetto al disco precedente. Non si tratta del lavoro da power trio come tanti, frutto di pomeriggi annoiati, di esercizi dediti al martellamento fusion per puro piacere del fracasso binario.

    Leggi...
  • 1
  • 2
  • 3

Flash News

Ultime dal forum

Il Forum di Axe
  • Ottotoniche alla Holdsworth
    Su Axe 219 Marcello Zappatore propone un esempio con video e TAB nello stile di *Allan Holdsworth* sfruttando la *scala ottotonica o diminuita*....
  • Alessio Menconi e la mano destra
    *Alessio Menconi* ci offre un video tutorial sulla *tecnica della mano destra* e consigli per sviluppare un *buon tocco *. Allegato 735...
  • Ampli giapponesi Anni 60
    Su Axe 219 Mario Milan fa luce su alcuni marchi di amplificatori e chitarre giapponesi dalle sorti alquanto oscure. Parliamo della *Teisco* e dei...