To view this page ensure that Adobe Flash Player version 11.1.0 or greater is installed.

FRANK ZAPPA ROXY THE MOVIE (BLU-RAY) [EAGLE VISION] Allegri zappiani, il sorriso sta per tornare sui vostri volti, il leggendario video che aspettavate da quarant’anni è finalmente arrivato. Roxy The Movie (disponibile anche in DVD) mostra finalmente le immagini ricavate dai leggendari tre concerti tenuti da Frank Zappa & The Mothers nel dicembre 1973 al Roxy Theatre a Hollywood. Le riprese furono funestate da un problema di sincronizzazione difettosa fra audio e video, e solo oggi, grazie alla tecnologia digitale, è stato possibile rimediare. Pubblicato in occasione della festa preferita da Frank (Halloween) e poco dopo la scomparsa della sua vedova Gail (7 ottobre scorso), Roxy The Movie documenta in video e audio (rispettivamente 1080p, LPCM Stereo e Dolby Digital 5.1 nella versione Blu Ray) l’attività on stage di una delle migliori compagini zappiane. Sul palco del Roxy, con Frank (voce, chitarra [la storica Gibson SG del Roxy], percussioni) troviamo George Duke (tastiere, voce), Bruce Fowler (trombone), Napoleon Murphy Brock (flauto, sax tenore, voce), Tom Fowler (basso), Ruth Underwood (percussioni) e le due batterie di Ralph Humphrey (anche alle percussioni) e Chester Thompson. Il repertorio include con qualche aggiunta e qualche omissione quello dell’album Roxy & Elsewhere (1974), in parte registrato nelle stesse serate, con micidiali strumentali (Echidna’s Arf [Of You]), una versione non definitiva di Inca Roads – preziosa per documentare i meccanismi creativi del genio di Baltimora –, e l’immancabile audience participation con presenze scollacciate di graziose spettatrici (vedi la copertina del citato Roxy & Elsewhere): Zappa era anche questo. Ora, cosa vi aspettate si possa scrivere su un lavoro del genere? Cosa potrebbe dire un recensore sull’Odissea o sulla Divina commedia? Non vi basta l’occasione di ascoltare e vedere musica di questo livello e difficoltà suonata con rilassatezza, disinvoltura, spirito, umorismo? Il sorriso perenne della bravissima Ruth Underwood dice tutto e vi contagerà. Quindi, comprate e chiudiamo qui la questione… Maurizio Parri 51