To view this page ensure that Adobe Flash Player version 11.1.0 or greater is installed.

sdebitarsi. L’ultima, non in ordine di im- portanza, cosa che ho capito è che non ci si deve far turbare dagli eventi. Dal vivo è altissima la probabilità che non tutto sia perfetto e questo può arrivare a turbarti e compromettere la tua prestazione: il suo- no dell’ampli, la spia, l’acustica del loca- le, un pedale piuttosto che un cavo, o ma- gari “toppi” una nota durante un solo... Ho imparato a fregarmene. Non posso tra- smettere gioia se io per primo sono ner- voso o incazzato. ta acquisito il bending, subito esercitarsi nel vibrato sulla nota raggiunta. Consiglio di esercitarsi sul vibrato prima con le dita e poi con la leva. Avverto una certa ten- denza a velocizzare il vibrato, specialmente nelle ballad. Deve essere eseguito in ar- monia con il tempo del brano. Un buon consiglio è quello di esercitarsi con il me- tronomo, con ogni dito e a tempo, sugli ot- tavi, sui quarti, ecc. È un lavoro che ri- chiede molta pazienza, ma - credetemi - sarete ricompensati! In chiusura, qualche consiglio per chi cerca di migliorarsi nel proprio percorso di apprendi- mento. Considero il bending uno dei pilastri su cui poggia il suonare la chitarra insieme al vi- brato. Entrambi spesso sono sottovalutati dai giovani. Hanno un folle desiderio di velocità, che però, relativamente a un mon- do reale di composizione, gioca un ruolo di minor importanza. Consideriamo i due tipi di bending: ascendente e discendente. Bisogna studiare con tutte le dita per i due tipi di bending. Ritengo molto importante esercitarsi usando tutte le dita. Poi ognu- no prenda la via che più gli piace... Perso- nalmente, a volte uso solo l’indice sui ben- ding ascendenti, mi dà una sensazione par- ticolare. Altro elemento importantissimo è l’intonazione. Devi imparare a raggiunge- re la nota che avevi in testa e non restare nelle vicinanze! Un buon esercizio è l’u- so di ogni dito nel raggiungere la nota pre- fissata con bending di mezzo tono, un to- no, ecc. In senso ascendente e discenden- te su tutte le corde della chitarra. Il ben- ding cammina sempre a braccetto col vi- brato. Diciamo che è il vibrato che separa gli uomini dai bambini [sorride]. Una vol- 25