banner pubblicitario Axe digitale

Pagina 3 di 7 PrimoPrimo 12345 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 21 a 30 di 69

Discussione: DG-Stomp Yamaha

  1. #21
    Axista Senior L'avatar di Burny
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    495
    E nel frattempo, cogliendo il suggerimento di Carmineens...


    IMG_20150316_105439_1.jpg


    Nuova feature per il dg-stomp :-) coming soon


    Bye, Bye...Burny



    P.S.

    'Ste preforate cinesi fanno schifo. :-( chi meno spende...

  2. #22
    Stefano Sabatino
    Guest
    Ciao,

    "Sarà che il mondo è pieno di nostalgici allora ;-)"
    Burny, è notizia di ieri che negli States vanno di moda le Topolino....
    Ti domando: il fenomeno si verifica perchè si tratta di oggetti cult oppure per il loro contenuto tecnologico, migliore della attuale 500...?!
    Burny, hai chiaro il funzionamento della trasduzione dei suoni da "solco" e quello della conversione da digitale ad analogico..?!


    "....Non metto in dubbio la qualkità del tuo udito, semplicemene può non essere "educato" a sentire alcune cose.
    Chi assaggia il vino ha il gusto e l'olfatto mediamente sviluppato, col tempo e la pratica ha insegnato a naso e lingua a distinguere odori e sapori."

    Burny, tra le altre cose, mi occupo di acustica da quando te ancora non sapevi cos'è una chitarra.....
    Il mio udito NON è affidabile, ma non ho alcun dubbio su quel che affermo.


    I COMPONENTI ELETTRONICI NON SUONANO

    Domanda:

    - che differenza di suono udibile esiste fra un TL072 ed un OPA295 montati nella stessa rete elettrica...?!
    - suona meglio un operazionale, un FET oppure un BJT...?!
    Tu cosa useresti, in quali casi e perchè..?!


    Ciao,
    Steve
    Ultima modifica di Stefano Sabatino; 03-18-2015 alle 07:38 AM.

  3. #23
    Axista Senior L'avatar di Burny
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    495
    L'idea di una nuova funzionalità è quella di avere un ingresso per una sorgente audio esterna, CD, mp3, pc.

    Diciamo che proviamo ad attualizzarlo...Una considerazione, tutte le modifiche sono state realizzate e non compromettono il funzionamento dello stomp, l'incuria nel manovrare certi aggeggi elettronici può provocare cambiamenti di umore in senso negativo e se vedete il fumo non chiamate l'ambulante:

    DONNE È ARRIVATO L'ARROTINO. Arrota coltelli, forbici, forbicine, forbici da seta, coltelli da prosciutto! Donne è arrivato l'arrotino e l'ombrellaio; aggiustiamo gli ombrelli. Ripariamo cucine a gasse: abbiamo tutti i pezzi di ricambio per le cucine a gasse. Se avete perdite di gasse noi le aggiustiamo, se la vostra cucina fa fumo noi togliamo il fumo della vostra cucina a gasse. Lavoro subito ed immediato.

    http://goo.gl/QV14r7


    Partiamo con lo schema:

    schema1.jpg

    Dove ci eravamo lasciati la volta precedente ;-)

    In particolare, grazie ai progettisti Nippo che ci hanno lasciato a disposizione il connettore delle uscite analogiche del DG-STOMP

    schema2.jpg

    A noi non ci resta che "infilare" tra il contatto numero due ed il cinque, qualcosa che prenda il segnale del DG-STOMP, il segnale della fonte esterna, mp3 ecc, li sommi e lo reinseriamo nel circuito originale per essere inviato alle uscite cuffie e ampli, schematizzando:

    schema3.jpg


    Facile no?


    B.

  4. #24
    Administrator L'avatar di Big Axe
    Data registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    1069
    Burny, ne voglio uno anch'io!

  5. #25
    Axista Senior
    Data registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    224
    A proposito di componenti "che non suonano", la citazione della Gibson potrebbe fare pensare che, avendo essi "truccato" i condensatori per farli sembrare carta e olio, tale imbroglio sia irrilevante dal punto di vista sonoro.
    Premesso che i condensatori usati sono di buona qualità, il fatto vero è che non hanno neanche lontanamente il suono dei veri Bumblebee, al punto che molti si sono chiesti perché e li abbiamo aperti scoprendo che non sono neanche in carta e olio.
    Contemporaneamente, in USA, qualcuno si è fatto le stesse domande e ha scoperto l'inganno esaminandoli sotto i raggi X.
    Ma il punto di partenza è stato: perché non suonano come dovrebbero? Perché non sono ciò che dovrebbero essere e, infatti, sostituendoli con veri carta e olio, repliche o originali, il suono migliora. Poi, nel campo dei carta e olio, ognuno ha le proprie preferenze, Jensen, Sprague, Cornell-Dubilier, Luxe, hanno sfumature diverse, anche se personalmente preferisco quelli da 400 o 600 volt a quelli da 200 che, sebbene abbiano un attacco più pronto, tendono a sfinare un poco il timbro.
    Oooops, ma che ho deviato il theard?
    A proposito, io non sono invadente ecc., ma se qualcuno mi copre alzo il volume, tutto qui.

  6. #26
    Stefano Sabatino
    Guest
    Ciao,

    Sulla luna, gli americani non ci volarono "ad orecchio", ma attraverso un percorso fatto di calcoli e sperimentazione.
    La chitarra che state imbracciando, non suona perchè è stata miracolata, ma come conseguenza di precisi principi fisici.
    L'effetto che state suonando, tratta il segnale in un certo modo perchè la rete elettrica sul quale esso si basa costituisce la sintesi del calcolo matematico che si pone a sua volta alla sua base di funzionamento.
    Su questo non ci piove.

    Ammesso che gli elementi elettronici siano caratterizzati anche da una certa percentuale di tolleranza, quel che scrive flyngbird, secondo me, si pone fuori da qualsiasi possibile considerazione attendibile.
    Se il metro di misura è l'orecchio, allora proprio non è possibile fare considerazioni.

    Sono pronto a sfidare chiunque voglia misurarsi contro la strumentazione elettronica.
    Propongo un esperimento.

    Prendiamo 10 condensatori di qualsiasi marca, stesso valore, qualsiasi tensione di lavoro.
    Li poniamo uno per volta nella stessa rete elettrica (per ex un filtro passa basso) ogni volta sollecitata dagli stessi segnali e/o programma musicale.
    Facciamo quindi suonare quella rete elettrica per un certo tempo con ognuno di quei condensatori.
    L'ascoltatore non deve sapere quale elemento sta suonando ogni volta.

    Poi...il misuratore ad orecchio di turno, deve scrivere una classifica, indicando quale condensatore ha suonato per primo, per secondo, per terzo e così via.
    Ripetiamo la prova dieci volte.
    Ogni volta deve essere scritta una classifica.

    Vediamo chi è in grado di riconoscere il suono tipico di ogni condensatore..........

    Volere credere di possedere un organo sensoriale come l'orecchio, in grado di discernere un eventuale contenuto armonico, soprattutto se le variazioni percentuali sono naturalmente inudibili e rilevabili con la sola misurazione è, secondo me, voler credere ad un qualsiasi dio ed affermare che è più potente di un'altro.

    Uscite da questo stallo mentale.
    Se le Gibson suonano diversamente, è per un insieme di fattori diversi e la cosa non è attribuibile, ammesso sia possibile, al solo componente elettronico.


    Ciao,
    Steve
    Ultima modifica di Stefano Sabatino; 03-22-2015 alle 10:41 AM.

  7. #27
    Axista Senior L'avatar di Burny
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    495
    Citazione Originariamente scritto da flyingbird Vedi messaggio
    Ma il punto di partenza è stato: perché non suonano come dovrebbero? Perché non sono ciò che dovrebbero essere e, infatti, sostituendoli con veri carta e olio, repliche o originali, il suono migliora. P
    Oooops, ma che ho deviato il theard?
    A proposito, io non sono invadente ecc., ma se qualcuno mi copre alzo il volume, tutto qui.
    Non hai deviato...Una botta al cerchio ed una alla botte: se pochi possono apprezzare queste finezze, immagina quando suoni per qualcuno quanto può essere apprezzato lo sforzo di avere dei carta e olio piuttosto che ceramici, polimerici(?) (polimeri)

    Rettifico a valle di un thread analogo: piuttosto Presente, anzichè invadente. ;-)


    Nel frattempo lo schem del primo prototipo...Per i pigri:


    buffer_sum.jpg

    Essendo stereo, vanno duplicati i collegamenti per due operazionali, racchiusi in un unico componente, tranne le alimentazioni +-15V.

    I collegamenti di ingresso e di uscita saranno effettuati tramite cavo schermato e relativa calza a massa.



    To be continued...

    B.

  8. #28
    Axista Senior L'avatar di Maurizio Parri
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    145
    Per chi vuole divertirsi con un blind test sui condensatori, qui ci sono degli appositi file audio.

  9. #29
    Axista Senior L'avatar di Burny
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    495
    Citazione Originariamente scritto da Stefano Sabatino Vedi messaggio
    Ciao,

    Sulla luna, gli americani non ci volarono "ad orecchio", ma attraverso un percorso fatto di calcoli e sperimentazione.
    La chitarra che state imbracciando, non suona perchè è stata miracolata, ma come conseguenza di precisi principi fisici.
    L'effetto che state suonando, tratta il segnale in un certo modo perchè la rete elettrica sul quale esso si basa costituisce la sintesi del calcolo matematico che si pone a sua volta alla sua base di funzionamento.
    Su questo non ci piove.
    Citazione Originariamente scritto da Stefano Sabatino Vedi messaggio
    Se le Gibson suonano diversamente, è per un insieme di fattori diversi e la cosa non è attribuibile, ammesso sia possibile, al solo componente elettronico.

    E fin quì quoto in toto

    B.

  10. #30
    Axista Senior
    Data registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    224
    Se una chitarra suona in modo diverso e il condensatore è l'unico elemento che è stato cambiato non è possibile attribuire la differenza che al condensatore stesso.
    In audio si usano spesso condensatori di dimensioni diverse sullo stadio finale per ottenere la ricchezza armonica di quelli più grossi e la risposta ai transienti di quelli più piccoli, sono tutti matti?
    Io non suono mai per "qualcuno" semmai per un pubblico "con" qualcuno. Chi dei presenti sia in grado di apprezzare ciò che uso non mi riguarda, se sono sordi è un loro problema e esistono gli specialisti, se vogliono curarsi.
    Io cerco di usare gli strumenti migliori che posso permettermi perché sono affidabili e mi permettono di esprimermi nel modo migliore, non scelgo i miei componenti per "gli altri".
    La musica e i suoni sono tanto più apprezzati quanto più si è "educati" ad essi, per quanto io sia sempre disponibile a educare chiunque voglia seriamente progredire, se alcuni, siano essi pubblico, produttori, semplici appassionati, rifiutano di educarsi per abbandonarsi ai propri pregiudizi non mi riguarda, ma non hanno il diritto di aspettarsi che io ne tenga conto.
    Se qualcuno mi chiama a suonare con lui lo fa sapendo chi sono (se non lo sa ha il dovere di informarsi) e non deve aspettarsi che io cerchi di compiacere lui o il suo pubblico, l'unica cosa che può fare se la mia filosofia musicale/sonora non gli piace è non chiamarmi la volta successiva.
    Io mi ritengo gentile, generoso e disponibile, ma mai compiacente. Quando si suona bisogna essere veri, altrimenti tanto vale fare il politico o l'avvocato.

Informazione thread

Utenti che stanno navigando in questo thread

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno navigando in questo thread. (0 utenri registrati e 1 visitatori)

Tags per questo thread

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •