To view this page ensure that Adobe Flash Player version 11.1.0 or greater is installed.

ottimamente rifiniti; il raggio di curvatura è di 15”. Le meccaniche cromate sono di buo- na qualità. La finitura ai poliesteri e leggera e satinata per tutto lo strumento, eccettuato il foglio in resina (lexan) che ricopre il fronte della pa- letta; dello stesso materiale è il coperchio del punto di regolazione del truss-rod. Le corde di serie sono le ottime Elixir Nano- web Medium e la loro scalatura .013-.056 qui non affatica neanche un po’. Questione di scala La scala dello strumento è da 23 1/2”, quin- di corta ma non cortissima in realtà, uguale a quella di una semiacustica Gibson Byrdland. Questo spiega perché, nonostante le di- mensioni ridotte, la GS Mini non crei proble- mi d’interfacciamento con le mani del chi- tarrista, a meno che questi non vanti “pa- lanche” alla Hendrix o Holdsworth. Aggiun- giamo pure il disegno sottile del manico e la buona finitura della tastiera per avere un’ot- tima suonabilità. Il peso di “ben” 1,770 kg. rispetto alle di- mensioni suggerisce, per gli standard attua- li, una certa consistenza. Ed è proprio l’im- pressione finale che ci fa la Gs Mini: quella di una chitarra piccola, esteticamente ado- rabile, perfettamente costruita, sufficiente- mente solida, anche in funzione dei viaggi cui AXE MARZO_2014 53